REVIEW | Ryan GRAUDIN: Wolf by Wolf

wolf ryan graudin

Little, Brown Books | 9780316405126
Amazon
My rating: Rating: ★★★★½

WOLF BY WOLF
Ryan Graudin

WEBSITE | TWITTER

Code Name Verity meets Inglourious Basterds in this fast-paced novel from the author of The Walled City.
The year is 1956, and the Axis powers of the Third Reich and Imperial Japan rule the world. To commemorate their Great Victory over Britain and Russia, Hitler and Emperor Hirohito host the Axis Tour: an annual motorcycle race across their conjoined continents. The victor is awarded an audience with the highly reclusive Adolf Hitler at the Victor’s Ball.
Yael, who escaped from a death camp, has one goal: Win the race and kill Hitler. A survivor of painful human experimentation, Yael has the power to skinshift and must complete her mission by impersonating last year’s only female victor, Adele Wolfe. This deception becomes more difficult when Felix, Adele’s twin brother, and Luka, her former love interest, enter the race and watch Yael’s every move. But as Yael begins to get closer to the other competitors, can she bring herself to be as ruthless as she needs to be to avoid discovery and complete her mission?

review
When I heard about this novel, read the blurb, I immediately thought “this can be a flop to-kill-all-the flops-of-this-world or a great, one-of-a-kind, novel”. The historical period in which it is set, the Second World War, is one of those I always struggles with because of the atrocities done under the Third Reich. I don’t tend to search for books, movie, etc. that have that period as a subject. I always try to keep in mind the pain that has been inflicted in those years, because it is right to remember and not forget, but I don’t want to read or watch something that can only scratch the surface of what people suffered then. They can only fall short, you know. I am not saing that some book or film hasn’t done them some justice but I feel it isn’t enought, you know? How can anything be enought? Anyway…returning to Wolf by Wolf.
This novel has the right amount of fantasy elements and aims primarily on the adventurous part to allow me to detach from the realistic events described. Not only that but it was able to keep me engaged from start to end. This book, in fact, is a kind of dystopian novel because, although based on a world that is ours, thanks to something that happened differently from the history we know, things have changed drastically. What’s different from a common dystopian book is that the story of Wolf by Wolf does not happen in an hypothetical future but in the past of 1944-56. The author manages to imagine a what-if that terrifies me at the sole thought… the victory of Hitler and the establishment of its ideologies in the majority of the world, with the USA that keeps apart for fear that Hitler may turn his gaze on its conquest.
The author manages a story that takes the reader on an adventure that can be compared to the one in Hidalgo (a movie with Viggo Mortensen if the name of the movie doesn’t sound any bell to you), Balto (again see movie), Kevin of the North and so on … stories of life and death, full of twists, extreme situations, fights for life and so on. It is a motorcycle race the focal point of the adventure in Wolf by Wolf, one the MC has to win…

The resistance has given Yael one goal: Win the race and kill Hitler.

Yael is the MC and a jewish girl who barely survived the death camp where she and her mother where imprisoned when she was six. During that time she became Experiment 85 and was subjected to painful injections that had the purpose of altering her appearance (like changing the color of her eyes from brown to blue and such). They never could have expected the experiment to be so successful. Yael, in fact, learns to change completely her look and, after having lost all that she held dear, she manages to excape from the camp assuming the aspect of the commander’s doughter. After that, Yael finds herself alone in a world that she is not prepared to confront. Fortunately, it is in that moment that she stumbles upon the resistance, people who are trying to subvert Hitler’s rule and that bring her in providing a new, albeit undercover, home.

Yael becomes the secret weapon they were waiting for. The last hope of the revolutionary group. Indeed, thanks to the unexpected victory of a girl, Adele Wolfe, in the previous edition of the Axis Tour -this motorcycle race where the best German and Japanese young males compete for supremacy (a race born to show the superiority of the Aryan race)- Yael has the possibility to replace her in the new race that will be held. By winning the Tour she can have the opportunity to approach and kill the Führer, putting an end to his dictatorship. Obviously, the job is not so easy. In addition to all the other participants, who will try to maim her if not kill (yeah, it is that bad), there is Adele’s twin brother to keep away as much as possible. And the memories. All the wolves she has to avenge, and that keep her company during the journey, will add to what Yael has to face to win the most important challenge of her life.

wolf-by-wolf-graudin

REVIEW | Ryan GRAUDIN: Wolf, La ragazza che sfidò il destino

wolf di RYAN GRAUDIN per DeAgostini
Rating: ★★★★½
Editore DeAgostini
ISBN 9788851136970
B01CSDJS36
Pagine 310
Prezzo € 14.90 harcover
€ 6.99 ebook
Uscita 12 aprile 2016
Acquista LaFeltrinelli.it | Amazon.it
MondadoriStore | IBS.it
Recensioni Anobii | Goodreads

Wolf: La ragazza che sfidò il destino
Ryan Graudin

WEBSITE | TWITTER

 

E’ il 1956 e l’alleanza tra le armate naziste del Terzo Reich e l’impero giapponese governa gran parte del mondo. Ogni anno, per celebrare la Grande Vittoria, le forze al potere organizzano il Tour dell’Asse, una spericolata e avvincente corsa motociclistica che attraversa i continenti collegando le due capitali, Germania e Tokyo. Il premio in palio?

Leggi di più

Un incontro con il supersorvegliato Führer, al Ballo del Vincitore. Yael, una ragazza sopravvissuta al campo di concentramento, ha visto troppa sofferenza per rimanere ancora ferma a guardare, e i cinque lupi tatuati sulla sua pelle le ricordano ogni giorno le persone che ha amato e che le sono state strappate via. Ora la Resistenza le ha dato un’occasione unica: vincere la gara, avvicinare Hitler… e ucciderlo davanti a milioni di spettatori.
Una missione apparentemente impossibile che solo Yael può portare a termine. Perché, grazie ai crudeli esperimenti a cui è stata sottoposta, è in grado di assumere le sembianze di chiunque voglia. Anche quelle di Adele Wolfe, la Vincitrice dell’anno precedente. Le cose però si complicano quando alla gara si uniscono Felix, il sospettoso gemello di Adele, e Luka, un avversario dal fascino irresistibile…

review (English review HERE)
Quando ho saputo di questo romanzo, letto la trama, ho immediatamente pensato che sarebbe potuto essere una catastrofe oppure un romanzo unico nel suo genere. Il periodo storico, la Seconda Guerra Mondiale, é uno di quelli che si fa sempre fatica ad affrontare a causa delle bassezze a cui l’animo umano é stato in grado di arrivare, sotto il Terzo Reich. Io in particolare, nonostante cerchi sempre di tenere a mente il dolore che è stato inflitto in quegli anni, perché é giusto ricordare e non dimenticare le atrocità commesse su così tante persone, tendo a non cercare di mia iniziativa libri, film o altro che lo abbiamo a soggetto. Le azioni commesse sono troppo terribili da immaginare, anche se sono avvenute nella realtà.
Questo romanzo, però, si è scostato quel tanto sufficiente, inserendo elementi fantastici e di avventura, da permettermi -pur rimanendo realistico- di seguire gli avvenimenti sotto una luce diversa, distaccata e decisamente coinvolgente. In primo luogo è una sorta di -prendetelo con le pinze ma dà in parte l’idea- romanzo distopico in quanto, pur basandosi su un mondo che è il nostro, a causa di un evento avvenuto diversamente dalla realtà, la storia come noi la conosciamo è cambiata. Tutto questo però non avviene in un ipotetico futuro come suole nei distopici, bensì sempre nel passato del 1944-56. L’autrice riesce ad instaurare un what-if da un lato che mi terrorizza al solo pensiero -la vittoria di Hitler e l’instaurazione delle sue ideologie nella maggior parte del mondo, Italia compresa, avvenuta grazie alla collaborazione con il Giappone (l’America si tiene ben distante, lungi dal prestare assistenza ai Paesi sottomessi, per paura che Hitler volga il suo sguardo sulla sua stessa conquista)- dall’altro perfettamente riuscito. Mantenendo il rispetto che questo periodo storico richiede, l’autrice riesce ad aggiungere un twist inaspettato che porta il lettore in un’avventura che potrei accomunare a quelle di Hidalgo (film con Viggo Mortensen se non vi suona nessun campanello), Balto (anche qui vedi film d’animazione), Alaska- sfida tra i ghiacci e via dicendo…storie di situazioni tra la vita e la morte, ricche di colpi di scena, lotte all’estremo, pericoli scampati per puro miracolo.

Il motore si accese con un rombo basso. Durante gli allenamenti, quel suono l’aveva sempre aiutata a concentrarsi, a mettere a fuoco la missione, la strada davanti a lei. Ma quel giorno, neanche il rumore della moto riusciva a tranquillizzarla. Tutti gli sguardi dello stadio erano puntati su di lei: una ragazza lucida di pioggia e avvolta in una tuta di pelle nera. Gli stivali sul pedale del cambio.Impaziente.Pronta.

In questo caso è il rombo delle motociclette a fare da sfondo ad una gara il cui finale può risultare, per la protagonista Yael, ancora più mortale della sfida stessa.
Yael. Come penso sia chiaro dal nome, Yael è ebrea. E’ lei il fulcro del romanzo, dalla sua infanzia -il libro infatti parte quando a sei anni Yael si trova, pigiata tra innumerevoli altri ebrei tra cui la madre, in un vagone ferroviario diretta in un campo di concentramento-…

Cinquemila anime erano stipate nei vagoni, pigiate come bestiame. Il treno cigolava e si piegava sotto il loro peso, sofferente per via dei numerosi viaggi. (Cinquemila volte cinquemila. Ancora e ancora. Così tanti, così tanti.)

…all’adolescenza -dove si trova ad essere parte essenziale della ribellione che tenta di liberarsi della minaccia di Hitler.

E’ nel campo di concentramento che la vita di Yael cambia inesorabilmente, facendola diventare quella che sarà l’arma segreta della ribellione. Perché lei non finisce come tutti gli altri ai lavori forzati, bensì viene selezionata per un esperimento scientifico che la cambierà in mille modi diversi. Quello che forse non tutti sanno è che infatti una delle più terribili atrocità avvenute durante quegli anni dipende da esperimenti eseguiti sugli ebrei, che vennero trattati come cavie da laboratorio.

Yael non seppe mai perché il dottor Geyer l’avesse scelta. Perché proprio lei – tra tutti i bambini scesi dal treno quella notte, aggrappati ai cappotti delle madri – fosse stata assegnata alla fila dei sopravvissuti. Ma non ci mise molto a scoprire per cosa era stata marchiata. Era l’Esperimento 85.

L’autrice, con Wolf, ipotizza proprio l’esito di un possibile esperimento. Un esperimento che muta Yael permettendole così di cambiare aspetto e assumere le identità di altre persone di sesso femminile. Diviene insomma una sorta di mutaforma del genere di Mistica degli X-Men. Grazie a questo riesce a fuggire dal campo e, poco dopo, a ritrovarsi tra le braccia della cellula madre della resistenza.
E’ anche , ovviamente, grazie a questa sua capacità che Yael diventa l’arma segreta, l’ultima speranza, del gruppo di rivoluzionari. Infatti, grazie alla vittoria inaspettata di una ragazza, Adele Wolfe, nell’edizione precedente del Tour dell’Asse, questa gara motociclistica a cui fino a quel momento avevano partecipato i migliori giovani maschi tedeschi e giapponesi (gara spinta dal Führer per mostrare la superiorità della razza ariana), Yael, sostituendola e vincendo la nuova edizione del Tour, può avere l’occasione di avvicinare il Führer e mettere fine alla sua dittatura.

Yael la studiava da quasi un anno. Respirava, dormiva, mangiava, viveva Adele… osservandola da lontano e da vicino… analizzandone l’andatura (come una marionetta mossa da fili di seta), il modo in cui arrotolava una ciocca di capelli sul dito quand’era nervosa… memorizzando ogni dettaglio apparentemente inutile del suo passato.

Ma l’impresa non è affatto semplice. Oltre agli altri partecipanti, tra cui il fratello gemello di Adele, che tenteranno di ostacolarla a tutti i costi, anche i ricordi, i dubbi e le aspettative si aggiungeranno a ciò che Yael dovrà affrontare per vincere la sfida più importane della sua vita.

Chi sei? (Dentro?)
La risposta a quella domanda era qualcosa per cui doveva lottare. Il suo riflesso non era affatto un riflesso: era uno specchio rotto. Doveva rimettere insieme i pezzi, sempre daccapo. Ricordo dopo ricordo. Perdita dopo perdita. Lupo dopo lupo.

wolf-by-wolf-graudin

REVIEW | M.R. CAREY: The Girl with All the Gifts

La ragazza che sapeva troppo M.R. Carey
Rating: ★★★☆☆
Editore Newton Compton
ISBN 9788854177819
B00VB3YZDS
Pagine 384
Prezzo 9.90 8.40 hardcover
4.99 0.99 ebook
Uscita 27 marzo 2015
Acquista LaFeltrinelli.it | Amazon.it
MondadoriStore | IBS.it
Recensioni Anobii | Goodreads

La ragazza che sapeva troppo
M.R. Carey

Melanie, dieci anni e un quoziente intellettivo altissimo, ogni mattina aspetta paziente nella stanza dove vive chiusa a chiave che la vengano a prendere per portarla a fare lezione. Ma non è una gita di piacere, gli incaricati la legano a una sedia a rotelle mentre il sergente Parks la tiene di mira con una pistola carica.  Per leggere altro della trama.

review

La ragazza che sapeva troppo è un romanzo difficile sotto molti aspetti. Non perche sia scritto male, questo no, ma perchè è difficile da leggere, da accettare, da portare a termine. E’ una lotta per il lettore tanto quanto per i personaggi. Mi sento in conflitto pensandoci e dovendone parlare. Mi è piaciuto? Si e no. È quel classico romanzo che ha tanti aspetti positivi: le relazioni tra personaggi, l’idea di base, i personaggi stessi, la tensione, l’orrore. Ma ha anche cose che a me sarebbe piaciuto venissero gestite diversamente, tra tutte l’estrema lentezza di buona parte della storia. Lo consiglierei? Non lo so davvero. Dipende molto se amate romanzi sugli zombie, ma che non sono d’azione tipo Resident Evil. Se vi piacciono le quest alla cui fine c’è una soluzione parziale. Se amate i finali agrodolci. Se volete un’interpretazione originale, basata su motivazioni scientifiche e decisamente possibiliste (si dice?) di come si è arrivati ad un mondo post-apocalittico dove la razza umana è stata praticamente decimata ed è alle soglie dell’estinzione, ma in cui uno spiraglio di speranza rimane sempre (anche se diverso da quello che si potrebbe pensare). Se volete scene raccapriccianti più per l’etica dietro cui si muovono le scelte dei personaggi che non tanto per loro stesse (anche se pure in quel caso…vabbè). La ragazza che sapeva troppo fa sentire molto al lettore… sfortunatamente anche la noia di trascinare i personaggi in un viaggio attraverso un mondo che ormai è desolato e desolante. In cui gli unici incontri sono con zombie senza coscienza che, una volta che ti hanno puntato, non ti lasciano più andare finchè l’uno dei due non soccombe oltre ai pochi animaletti che ancora resistono ma a cui l’autore immancabilmente fa fare una brutta fine. Ok, una cosa mi è venuta in mente giusto ora, scrivendo degli animali. Loro non sono infettati dal virus come gli umani. Forse perché vengono mangiati interamente? Forse per altri motivi. Comunque sia, non ci sono animali zombie e sinceramente la cosa è un po’ strana visto come lavora il virus. Il lettore vive le vicissitudini assieme a personaggi a malapena sopportabili, tra fatiche e sconfitte continue. Come dicevo è un romanzo duro e difficile. Che non lascia scampo e, usando un termine inglese, non “inzucchera” (sugarcoat) nulla. Anzi è nudo, crudo e crudele come la natura umana e Madre Natura stessa.

19827903

Orbit | 9780356500157
£ 8.99 | Amazon

THE GIRL WITH ALL THE GIFTS
M.R. Carey

Melanie is a very special girl. Dr Caldwell calls her “our little genius.”
Every morning, Melanie waits in her cell to be collected for class. When they come for her, Sergeant Parks keeps his gun pointing at her while two of his people strap her into the wheelchair. Read more about the plot.

review
The Girl With All the Gifts is a difficult novel for many aspetcs. Not because it is poorly written, no, but because it is difficult to read, to accept, to finish. It is a constant struggle for the reader as much as for the characters. I feel conflicted thinking of it and having to speak about it. Did I like it? Yes and no. It is the classic novel that has many positive aspects: the relationship between the MC, the basic idea, the characters themselves, the tension, the horror. But it has things that I would have liked handled differently, firts of all the extreme slowness of the majority of the story. Would I recommend it? I do not know really. It depends if you love zombie novels that are not action packed like Resident Evil. If you like a partial solution at the end and a bittersweet ending. If you want an original zombie book where the author has based the reasons of how we arrived at a post-apocalyptic world, with the human race virtually decimated and on the threshold of extinction, on scientific and realistic events. In which one glimmer of hope remains, although different from what you might think. If you want gruesome scenes more because of the ethics behind the characters’s choices and not truly for themselves (although even in that case… well), this is for you. The Girl With All the Gifts makes the reader feel many feelings… unfortunately even the boredom of dragging the characters on a journey through a world that is desolate and bleak. Where the only encounters are with zombies that have only one thing in their mind… to eat you and satisfy the urge of the virus that inhabits them. There are few animals in this world but the author invariably makes them die. Just now it came to my mind that this is a bit strange. The animal were not infected. Why not? In the way the virus worked probably they should have been. Anyway. The reader has to live with characters that are barely bearable, between hardships and continuous defeats. As I said before this is an hard and difficult novel. It leaves no way out and it never sugarcoat things. It is tough, raw and cruel as the human nature and Mother Nature as well.

Recensione: Matched di Ally Condie

Matched. La scelta
di Ally Condie

1° volume di 3

editore: Fazi Lain
pagine: 356
codice isbn: 978-88-7625-116-0
data pubblicazione: 13/05/2011
genere: fantasy distopico
per ragazzi dai 12 anni in su
prezzo in libreria: € 18,50
www.matched.it

 

E’ il quindici del mese e, come è consuetudine, la Società celebra i Banchetti di Abbinamento. Cassia Maria Reyes ha 17 anni ed è arrivato per lei il momento di partecipare finalmente al suo Banchetto. Curiosa di sapere chi le verrà assegnato, Cassia ripone grande fiducia nelle scelte della Società: sa che il suo sarà il compagno perfetto. Quando i Funzionari chiamano il suo nome si alza e si dirige verso lo schermo dell’Abbinamento. Pochi secondi di attesa prima di scoprire che il suo compagno è un caro amico, un ragazzo che conosce da tutta la vita, Xander. Ma non è il volto di Xander quella che compare sullo schermo di casa sua, una volta inserita la micro card in dotazione a ogni ragazzo appena abbinato. Il volto appartiene a un altro ragazzo, Ky. Cassia si trova ora a un bivio, divisa tra due scelte impossibili: tra Xander e Ky, tra un’esistenza preordinata e un percorso che nessuno ha mai avuto il coraggio di seguire. Divisa tra due vite. Una pianificata e controllata e una illegale, pericolosa ma libera. Non più un quadro dove gli unici colori siano il bianco e il nero, ma un arcobaleno di tonalità, scelte da lei e non da chi ha sempre deciso al suo posto.

divisor

Un caso.
Sicuramente qui da noi lo è stato…ha fatto discutere parecchio i blogger, sia nel bene che nel male.
E ormai da giorni fioccano i commenti nel web, alcuni positivi altri meno.
Il problema principale, da quello che mi è dato capire, nasce dal fatto che la trama sembra qualcosa di già sentito. Il libro infatti viene spesso accostato a “The Giver” e al successivo “La Rivincita“, entrambi della scritrice  Lois Lowry,  pubblicati da  Giunti Y poco tempo fa, ed entrambi facenti parte del “nuovo”  filone  distopico (o antiutopico) che ultimamente riempie gli scaffali delle librerie americane e che sono infine sbarcati anche qui da noi.
Insomma, dopo vampiri, licantropi e angeli le case editrici ci presentano questi nuovi fantasy, per ora principalmente young adult (per adolescenti), che sono ambientati in una realtà alternativa…solitamente futura…dove la società si è evoluta in una estremamente restrittiva, scandita da regole ferree che vengono vendute come “l’unica soluzione per vivere una vita ideale”, ovviamente per il bene del cittadino (per saperne di più vi rimando alla pagina wiki, se non alla lettura stessa di uno di dei libri che citerò nella recensione).
Premettendo che non ho letto i due sopra, non posso non dire che, alla prima lettura della trama, fossi anch’io piuttosto scettica e sfiduciata avendo trovato collegamenti ad un’altra serie, che invece ho letto, pubblicata da Mondadori qualche anno fa. La serie Uglies di Scott Westerfeld (di cui fanno parte Brutti, Perfetti e altri due mai pubblicati). Westerfeld, a differenza della Lowry o di tutte le altre scrittrici pubblicate in questi ultimi tempi, ha aperto la porta al nuovo boom a quanto pare…anche se il filone distopico ha origini ben più “anziane” di queste. 🙂
Nonostante questi non proprio rosei inizi, posso dire che a me Matched é piaciuto.
L’ho trovato un libro delicato e dolce. Principalmente introspettivo.
L’azione infatti è praticamente assente, sono i pensieri e i comportamenti dei personaggi quelli che mutano e maturano durante la storia…e che determineranno i cambiamenti in loro stessi e, nei prossimi libri della serie, nella Società.
Non so se questo mio parere sia dovuto al fatto che ormai non ho ricordi chiarissimi sulla serie di Westerfeld e quindi, magari, l’ho letto  come se fosse l’unico esempio del suo genere per me…stà di fatto che, nonostante alcune carenze dell’autrice e del target a cui è rivolto (adolescenziale), mi sia piaciuto.
Veniamo ai personaggi.
I principali sono tre: Cassia -la protagonista-, Xander -il suo amico d’infanzia e poi Promesso- e Ky -l’altro amico d’infanzia-. Come ovvio, verrà a crearsi un triangolo tra loro tre con Cassia e la sua maturazione al centro di tutto (quel tipo di cosa che fa impazzire le ragazze romantiche, no? ). Anche se, a mio avviso, non è stato sfruttato pienamente, mi ha dato più l’impressione di un rapporto alla “Romeo e Giulietta” (nel senso che Xander non è poi un gran rivale, c’è più un amore contrastato che una rivalità).
Come detto anche nella trama, la storia si apre al banchetto di Abbinamento di Cassia e Xander.
L’Abbinamento avviene per tutti i cittadini al compimento dei 17 anni di età quando i Funzionari incaricati, a seguito di una raccolta costante di dati dei soggetti fin dalla loro nascita, decretano il compagno perfetto, il Promesso. La fortuna di Cassia è di essere abbinata a Xander, suo miglior e amico, e persona che conosce perfettamente fin da piccola (situazione, questa, estremamente rara).
Secondo l’ordinamento della Società, a questo solitamente segue un periodo di corteggiamento controllato dai Funzionari che porterà, al compimento del venunesimo anno di età, alla stipula del Contratto Matrimoniale…perchè dagli studi condotti dalla Società, sono quelli gli anni con il picco di maggiore fertilità.
Il controllo però non si ferma a questo, secondo questa Società è possibile avere figli fino ai trent’anni e non oltre. Ma cosa più importante, al raggiungimento degli ottant’anni d’età, questi studi hanno dimostrato che la vita deve finire perchè si è ormai raggiunta una piena esperienza di vita senza essere ancora arrivati a sentirsi inutili.
Sarà quello che succederà nei primi capitoli al nonno di Cassia e che la porterà ad iniziare un percorso di domande e riflessioni importanti.

«Non andartene docile in quella buona notte»

Se devo dirla tutta, la parte del nonno nel “risveglio” di Cassia mi ha un pò disturbato perchè, è pur vero che da qualche parte il ragionamento doveva pur iniziare, ma non capisco perchè il nonno abbia spinto la nipote a ribellarsi al sistema quando lui stesso lo ha seguito fin quasi alla morte (pensieri di un uomo vicino alla morte che rivaluta la propria vita e vuole qualcosa di meglio per la nipote? Può essere, ma mi ha comunque convinto poco).
Anche il fatto che fin dall’inizio pensieri già “ribelli” o comunque non conformi a quella che è la società descritta vengano spiegati per bocca di Cassia risuona alquanto strano e, in definitiva, poco realistico.
Una persona nata e cresciuta con determinate regole ha bisogno di un forte stimolo per ribellarvisi, non può avere pensieri del genere da subito.
L’altro motivo scatenante dell’inizio della “rivalutazione” è proprio Ky.
Al banchetto di Abbinamenti, infatti, oltre a conoscere il nome del futuro compagno, ad ogni ragazzo viene consegnata una microscheda in cui sono raccolti tutti i dati del rispettivo Promesso per poter iniziare a conoscerlo e avere informazioni su come procedere nl corteggiamento.
Nel momento in cui Cassia inserisce il suo nel portale (lo strumento utilizzato per comunicare fra persone distanti e per effettuare ogni altra “connessione” video) vede si, in un primissimo momento, il volto di Xander, ma subito dopo lo schermo si oscura e compare per qualche attimo il volto di Ky. Cassia non sa cosa pensare ne come comportarsi. Fare finta di niente? O parlarne con qualcuno?
Ma ovviamente la cosa non passa inosservata ai Funzionari che rassicurano Cassia spiegandole essersi trattato di un mero errore, ma sarà veramente così?
Nel far questo le svelano un segreto molto importante che riguarda Ky, un segreto che gli impedisce di essere inserito nel programma abbinamenti.
Quello sarà il secondo punto di svolta della storia.
Da quel momento Cassia non riuscirà più a vedere Ky con occhi normali e cercherà di conoscerlo meglio fino all’ovvio risultato.
Ma c’è sempre Xander da ricordare…e una Società che non permette errori.
Non sarà poi così facile ribellarsi a regole che hanno scandito il tempo di una vita, spesso oscillerà sulle stesse scelte…non sapendo se le stesse siano una volontà egoistica e personale o un modo per migliorare il loro futuro. Le conseguenze potrebbero mettere in pericolo tutti, ma sopratutto quelli che più ama.

Rivestiranno notevole importanza le parole, che da cenere e nulla si faranno carne e ossa.