REVIEW | Ryan GRAUDIN: Wolf by Wolf

wolf ryan graudin

Little, Brown Books | 9780316405126
Amazon
My rating: Rating: ★★★★½

WOLF BY WOLF
Ryan Graudin

WEBSITE | TWITTER

Code Name Verity meets Inglourious Basterds in this fast-paced novel from the author of The Walled City.
The year is 1956, and the Axis powers of the Third Reich and Imperial Japan rule the world. To commemorate their Great Victory over Britain and Russia, Hitler and Emperor Hirohito host the Axis Tour: an annual motorcycle race across their conjoined continents. The victor is awarded an audience with the highly reclusive Adolf Hitler at the Victor’s Ball.
Yael, who escaped from a death camp, has one goal: Win the race and kill Hitler. A survivor of painful human experimentation, Yael has the power to skinshift and must complete her mission by impersonating last year’s only female victor, Adele Wolfe. This deception becomes more difficult when Felix, Adele’s twin brother, and Luka, her former love interest, enter the race and watch Yael’s every move. But as Yael begins to get closer to the other competitors, can she bring herself to be as ruthless as she needs to be to avoid discovery and complete her mission?

review
When I heard about this novel, read the blurb, I immediately thought “this can be a flop to-kill-all-the flops-of-this-world or a great, one-of-a-kind, novel”. The historical period in which it is set, the Second World War, is one of those I always struggles with because of the atrocities done under the Third Reich. I don’t tend to search for books, movie, etc. that have that period as a subject. I always try to keep in mind the pain that has been inflicted in those years, because it is right to remember and not forget, but I don’t want to read or watch something that can only scratch the surface of what people suffered then. They can only fall short, you know. I am not saing that some book or film hasn’t done them some justice but I feel it isn’t enought, you know? How can anything be enought? Anyway…returning to Wolf by Wolf.
This novel has the right amount of fantasy elements and aims primarily on the adventurous part to allow me to detach from the realistic events described. Not only that but it was able to keep me engaged from start to end. This book, in fact, is a kind of dystopian novel because, although based on a world that is ours, thanks to something that happened differently from the history we know, things have changed drastically. What’s different from a common dystopian book is that the story of Wolf by Wolf does not happen in an hypothetical future but in the past of 1944-56. The author manages to imagine a what-if that terrifies me at the sole thought… the victory of Hitler and the establishment of its ideologies in the majority of the world, with the USA that keeps apart for fear that Hitler may turn his gaze on its conquest.
The author manages a story that takes the reader on an adventure that can be compared to the one in Hidalgo (a movie with Viggo Mortensen if the name of the movie doesn’t sound any bell to you), Balto (again see movie), Kevin of the North and so on … stories of life and death, full of twists, extreme situations, fights for life and so on. It is a motorcycle race the focal point of the adventure in Wolf by Wolf, one the MC has to win…

The resistance has given Yael one goal: Win the race and kill Hitler.

Yael is the MC and a jewish girl who barely survived the death camp where she and her mother where imprisoned when she was six. During that time she became Experiment 85 and was subjected to painful injections that had the purpose of altering her appearance (like changing the color of her eyes from brown to blue and such). They never could have expected the experiment to be so successful. Yael, in fact, learns to change completely her look and, after having lost all that she held dear, she manages to excape from the camp assuming the aspect of the commander’s doughter. After that, Yael finds herself alone in a world that she is not prepared to confront. Fortunately, it is in that moment that she stumbles upon the resistance, people who are trying to subvert Hitler’s rule and that bring her in providing a new, albeit undercover, home.

Yael becomes the secret weapon they were waiting for. The last hope of the revolutionary group. Indeed, thanks to the unexpected victory of a girl, Adele Wolfe, in the previous edition of the Axis Tour -this motorcycle race where the best German and Japanese young males compete for supremacy (a race born to show the superiority of the Aryan race)- Yael has the possibility to replace her in the new race that will be held. By winning the Tour she can have the opportunity to approach and kill the Führer, putting an end to his dictatorship. Obviously, the job is not so easy. In addition to all the other participants, who will try to maim her if not kill (yeah, it is that bad), there is Adele’s twin brother to keep away as much as possible. And the memories. All the wolves she has to avenge, and that keep her company during the journey, will add to what Yael has to face to win the most important challenge of her life.

wolf-by-wolf-graudin

REVIEW | Ryan GRAUDIN: Wolf, La ragazza che sfidò il destino

wolf di RYAN GRAUDIN per DeAgostini
Rating: ★★★★½
Editore DeAgostini
ISBN 9788851136970
B01CSDJS36
Pagine 310
Prezzo € 14.90 harcover
€ 6.99 ebook
Uscita 12 aprile 2016
Acquista LaFeltrinelli.it | Amazon.it
MondadoriStore | IBS.it
Recensioni Anobii | Goodreads

Wolf: La ragazza che sfidò il destino
Ryan Graudin

WEBSITE | TWITTER

 

E’ il 1956 e l’alleanza tra le armate naziste del Terzo Reich e l’impero giapponese governa gran parte del mondo. Ogni anno, per celebrare la Grande Vittoria, le forze al potere organizzano il Tour dell’Asse, una spericolata e avvincente corsa motociclistica che attraversa i continenti collegando le due capitali, Germania e Tokyo. Il premio in palio?

Leggi di più

Un incontro con il supersorvegliato Führer, al Ballo del Vincitore. Yael, una ragazza sopravvissuta al campo di concentramento, ha visto troppa sofferenza per rimanere ancora ferma a guardare, e i cinque lupi tatuati sulla sua pelle le ricordano ogni giorno le persone che ha amato e che le sono state strappate via. Ora la Resistenza le ha dato un’occasione unica: vincere la gara, avvicinare Hitler… e ucciderlo davanti a milioni di spettatori.
Una missione apparentemente impossibile che solo Yael può portare a termine. Perché, grazie ai crudeli esperimenti a cui è stata sottoposta, è in grado di assumere le sembianze di chiunque voglia. Anche quelle di Adele Wolfe, la Vincitrice dell’anno precedente. Le cose però si complicano quando alla gara si uniscono Felix, il sospettoso gemello di Adele, e Luka, un avversario dal fascino irresistibile…

review (English review HERE)
Quando ho saputo di questo romanzo, letto la trama, ho immediatamente pensato che sarebbe potuto essere una catastrofe oppure un romanzo unico nel suo genere. Il periodo storico, la Seconda Guerra Mondiale, é uno di quelli che si fa sempre fatica ad affrontare a causa delle bassezze a cui l’animo umano é stato in grado di arrivare, sotto il Terzo Reich. Io in particolare, nonostante cerchi sempre di tenere a mente il dolore che è stato inflitto in quegli anni, perché é giusto ricordare e non dimenticare le atrocità commesse su così tante persone, tendo a non cercare di mia iniziativa libri, film o altro che lo abbiamo a soggetto. Le azioni commesse sono troppo terribili da immaginare, anche se sono avvenute nella realtà.
Questo romanzo, però, si è scostato quel tanto sufficiente, inserendo elementi fantastici e di avventura, da permettermi -pur rimanendo realistico- di seguire gli avvenimenti sotto una luce diversa, distaccata e decisamente coinvolgente. In primo luogo è una sorta di -prendetelo con le pinze ma dà in parte l’idea- romanzo distopico in quanto, pur basandosi su un mondo che è il nostro, a causa di un evento avvenuto diversamente dalla realtà, la storia come noi la conosciamo è cambiata. Tutto questo però non avviene in un ipotetico futuro come suole nei distopici, bensì sempre nel passato del 1944-56. L’autrice riesce ad instaurare un what-if da un lato che mi terrorizza al solo pensiero -la vittoria di Hitler e l’instaurazione delle sue ideologie nella maggior parte del mondo, Italia compresa, avvenuta grazie alla collaborazione con il Giappone (l’America si tiene ben distante, lungi dal prestare assistenza ai Paesi sottomessi, per paura che Hitler volga il suo sguardo sulla sua stessa conquista)- dall’altro perfettamente riuscito. Mantenendo il rispetto che questo periodo storico richiede, l’autrice riesce ad aggiungere un twist inaspettato che porta il lettore in un’avventura che potrei accomunare a quelle di Hidalgo (film con Viggo Mortensen se non vi suona nessun campanello), Balto (anche qui vedi film d’animazione), Alaska- sfida tra i ghiacci e via dicendo…storie di situazioni tra la vita e la morte, ricche di colpi di scena, lotte all’estremo, pericoli scampati per puro miracolo.

Il motore si accese con un rombo basso. Durante gli allenamenti, quel suono l’aveva sempre aiutata a concentrarsi, a mettere a fuoco la missione, la strada davanti a lei. Ma quel giorno, neanche il rumore della moto riusciva a tranquillizzarla. Tutti gli sguardi dello stadio erano puntati su di lei: una ragazza lucida di pioggia e avvolta in una tuta di pelle nera. Gli stivali sul pedale del cambio.Impaziente.Pronta.

In questo caso è il rombo delle motociclette a fare da sfondo ad una gara il cui finale può risultare, per la protagonista Yael, ancora più mortale della sfida stessa.
Yael. Come penso sia chiaro dal nome, Yael è ebrea. E’ lei il fulcro del romanzo, dalla sua infanzia -il libro infatti parte quando a sei anni Yael si trova, pigiata tra innumerevoli altri ebrei tra cui la madre, in un vagone ferroviario diretta in un campo di concentramento-…

Cinquemila anime erano stipate nei vagoni, pigiate come bestiame. Il treno cigolava e si piegava sotto il loro peso, sofferente per via dei numerosi viaggi. (Cinquemila volte cinquemila. Ancora e ancora. Così tanti, così tanti.)

…all’adolescenza -dove si trova ad essere parte essenziale della ribellione che tenta di liberarsi della minaccia di Hitler.

E’ nel campo di concentramento che la vita di Yael cambia inesorabilmente, facendola diventare quella che sarà l’arma segreta della ribellione. Perché lei non finisce come tutti gli altri ai lavori forzati, bensì viene selezionata per un esperimento scientifico che la cambierà in mille modi diversi. Quello che forse non tutti sanno è che infatti una delle più terribili atrocità avvenute durante quegli anni dipende da esperimenti eseguiti sugli ebrei, che vennero trattati come cavie da laboratorio.

Yael non seppe mai perché il dottor Geyer l’avesse scelta. Perché proprio lei – tra tutti i bambini scesi dal treno quella notte, aggrappati ai cappotti delle madri – fosse stata assegnata alla fila dei sopravvissuti. Ma non ci mise molto a scoprire per cosa era stata marchiata. Era l’Esperimento 85.

L’autrice, con Wolf, ipotizza proprio l’esito di un possibile esperimento. Un esperimento che muta Yael permettendole così di cambiare aspetto e assumere le identità di altre persone di sesso femminile. Diviene insomma una sorta di mutaforma del genere di Mistica degli X-Men. Grazie a questo riesce a fuggire dal campo e, poco dopo, a ritrovarsi tra le braccia della cellula madre della resistenza.
E’ anche , ovviamente, grazie a questa sua capacità che Yael diventa l’arma segreta, l’ultima speranza, del gruppo di rivoluzionari. Infatti, grazie alla vittoria inaspettata di una ragazza, Adele Wolfe, nell’edizione precedente del Tour dell’Asse, questa gara motociclistica a cui fino a quel momento avevano partecipato i migliori giovani maschi tedeschi e giapponesi (gara spinta dal Führer per mostrare la superiorità della razza ariana), Yael, sostituendola e vincendo la nuova edizione del Tour, può avere l’occasione di avvicinare il Führer e mettere fine alla sua dittatura.

Yael la studiava da quasi un anno. Respirava, dormiva, mangiava, viveva Adele… osservandola da lontano e da vicino… analizzandone l’andatura (come una marionetta mossa da fili di seta), il modo in cui arrotolava una ciocca di capelli sul dito quand’era nervosa… memorizzando ogni dettaglio apparentemente inutile del suo passato.

Ma l’impresa non è affatto semplice. Oltre agli altri partecipanti, tra cui il fratello gemello di Adele, che tenteranno di ostacolarla a tutti i costi, anche i ricordi, i dubbi e le aspettative si aggiungeranno a ciò che Yael dovrà affrontare per vincere la sfida più importane della sua vita.

Chi sei? (Dentro?)
La risposta a quella domanda era qualcosa per cui doveva lottare. Il suo riflesso non era affatto un riflesso: era uno specchio rotto. Doveva rimettere insieme i pezzi, sempre daccapo. Ricordo dopo ricordo. Perdita dopo perdita. Lupo dopo lupo.

wolf-by-wolf-graudin

REVIEW | Livio GAMBARINI: Eternal War, Gli eserciti dei santi (Armies of Saints)

review of the english edition below

Eterna War: l'esercito dei santi di Livio Gambarini
Rating: ★★★½☆
Editore Acheron Books
ISBN 9788899216245
B00YRHWAF0
Pagine  185
Prezzo € 4.00 ebook
€ 12.50 paperback
Uscita 15 giugno 2015
Acquista LaFeltrinelli.it | Amazon.it
MondadoriStore | IBS.it
Recensioni Anobii | Goodreads

Eternal War: L’esercito dei santi
Livio Gambarini

BLOG | FB | TWITTER

Firenze, tredicesimo secolo. La guerra tra Guelfi e Ghibellini distrugge intere famiglie. Tutta la Toscana è sconvolta, ma le due fazioni non sanno che la loro guerra è solo il pallido riflesso di uno scontro che dura da secoli tra i misteriosi abitanti delle lande dello Spirito.
Con ogni mezzo a sua disposizione, Kabal, spirito guida della famiglia Cavalcanti, trama per non soccombere e conquistare il potere. Ha un asso nella manica: il suo nuovo capofamiglia umano, il guerriero e poeta Guido Cavalcanti. Per salvare la sua città e coronare il suo sogno d’amore, Guido dovrà inseguire il sogno di una pace impossibile, e in questo lo aiuterà un giovane e timidissimo poeta, di nome Dante Alighieri…
Guerra, tradimenti, intrighi e magia in perfetto equilibrio tra la ricostruzione storica e il fascino di ciò che si cela dietro le quinte dell’umanità. “The Eternal War – Gli Eserciti dei santi” è la risposta fantasy a “House of Cards”, con la cornice fiorentina della Divina Commedia.

review
Eternal War è stata una sincera sorpresa per me. simbolo giglio firenzeNon mi avventuro spesso nel fantasy puro per adulti, quello italiano ancor meno. Ma c’è molto da apprezzare in questo romanzo a partire dalla bellissima copertina, passando alla cura del testo e infine alla storia stessa. In questo caso, insomma, la perdita sarebbe stata tutta mia.
Gambarini mescola perfettamente ambientazioni e avvenimenti della storia italiana con un mondo parallelo fatto di spiriti guida… che di angelico non hanno assolutamente nulla. Sono anzi arrampicatori, approfittatori, meschini, guerraioli. Come se le caratteristiche terrene che li avevano contraddistinti in vita non solo non si fossero dissolte in morte, diventando superficiali ed inutili nel piano superiore che siamo abituati ad immaginare, ma si siano invece intensificate e convogliate verso una precisa direzione. L’unica missione di questi spiriti è infatti perseguire gli interessi della propria famiglia, usando ogni mezzo a propria disposizione, fisico o metafisico che sia. O almeno questo è ciò che persegue Kabal, Ancestrarca della famiglia Cavalcanti, che ormai da secoli plotta e manovra i capofamiglia per i propri scopi, solitamente (ma non principalmente) rivolti a garantire prosperità e crescita sociale della casata Cavalcanti, nella Firenze dei Guelfi e Ghibellini.
eternal-war-guido-kabalIl romanzo parte proprio con la battaglia di Montaperti dove, nonostante l’inferiorità numerica, i Ghibellini strappano un’inaspettata vittoria su Firenze e i Guelfi. Sconfitta che costringe questi ultimi alla fuga dalla bellissima città. Kabal e la sua fazione non capiscono come i Santi (o Patroni) Ghibellini, che fino a non molto tempo prima avevano la stessa forza dei loro, siano ora divenuti così potenti da permettere ad un gruppo così ridotto, e mal posizionato sul terreno di battaglia, di vincerli. Gli Ancestrarchi partono così per un viaggio che li vedrà a Roma, alla ricerca del più potente protettore fra tutti. Uno che permetta loro di riprendere il giusto posto e onore a Firenze.
Eternal War pur seguendo una linea temporale di diversi anni, così da permettere al lettore di seguire gli avvenimenti storici della Firenze dell’epoca, è incentrato principalmete su Kabal e -indirettamente- su Guido, l’ultimo capofamiglia dei Cavalcanti, che l’Ancestrarca ha “cresciuto e coltivato” per essere il più forte ed intelligente che la famiglia abbia mai avuto. Lungo la storia incontreranno Dante Alighieri, anch’esso anima unica come Guido, così come altri personaggi realmente esistiti. Sono convinta, concluso Eternal War, che la storia sia solo l’inizio di un’avventura ancora più grande e spero che l’autore abbia intenzione di raccontarla.

Eterna War: Armies of Saints by Livio Gambarini

English Edition | Acheron Books | 184 pages | $ 4.23

Eternal War: Armies of Saints by Livio Gambarini
In 13th century Florence, the war between the Guelphs and Ghibellines is destroying entire families. Every corner of Tuscany has been drawn into the conflict, but little do the two sides realise their war is but a pale reflection of a battle between the mysterious inhabitants of the spirit world, lasting a thousand years.
The spirit that guides the Cavalcanti family, Kabal, uses every any means at his disposal to make sure his family is not torn to shreds and eventually comes out on top. The true ace up his sleeve is the new head of his family, the warrior and poet Guido Cavalcanti. Guido is driven to seek an impossible peace as he strives to save his city and marry the girl he loves. He is helped by a young, exceptionally shy poet known as Dante Alighieri…
It is a story of war, betrayal, intrigue and magic that is woven skilfully together to create a wondrous combination of historical accuracy and the fantastic world that lies behind human endeavour. “The Eternal War – Armies of Saints” is an innovative historical fantasy set against the backdrop of the Florence of the Divine Comedy. It has already conquered Italy and now, with the English translation, it is set to take the world.

review
Eternal War was a real surprise. I don’t often venture into pure fantasy for adults and -I’m sorry to say- even less if it’s Italian fantasy. However, there is much to appreciate in this novel. From the beautiful cover, through the good editing (I’ll talk about Acheron Books in a separate post because the publisher of this novel deserves mention on its own) and finally to the story itself, I had a very good time reading this book. If I hadn’t had the opportunity to read Eternal War, the loss would have all been mine.
Gambarini perfectly blends Italian history (its places and customs) with a parallel world of spirit guides… that have absolutely nothing angelic in them. They are ancestors of the prominent Florence families and are indeed social climbers, petty, warmonger. As if the earthly characteristics that had marked them in life not only had not dissolved in death, becoming superficial and useless in the afterlife we usually imagine, but instead are intensified and channeled in a specific direction. The sole mission of these spirits is, in fact, to pursue the family’s interests using every means at their disposal, be it physical or metaphysical. Or at least this is what Kabal, the Cavalcanti’s family spirit, hase done for centuries, plotting and maneuvering the heads of the family with the purpose to ensure them prosperity and family social growth in the Florence of the Guelfs and Ghibellines.
The novel starts with the Montaperti battle where, despite the numerical inferiority, the Ghibellines snatch an unexpected victory over Florence and the Guelphs. A defeat that forces the Guelphs to flee from the beautiful city. Kabal and his faction don’t understand how Ghibellines’ Saints (or Patrons) who, until not long before, had the same strength as their own have now become so powerful as to allow for such a small group, and poorly positioned on the battleground, to overcome them. Therefore, the Ancestrarchi (as the family spirits are called) decide to leave for a trip that will see them in Rome, in search of the most powerful protector of all. One that will allow them to take their place in Florence back.
Eternal War while following a timeline of several years (to better allow the reader to follow the historical events of Florence at the time) is centered mainly on Kabal and, indirectly, on Guido story. Guido is the last head of the Cavalcanti family and Kabal has “brought up and groomed him” to be the most strong and intelligent the family has ever had. During their adventure they will meet Dante Alighieri, which is an unique soul like Guido, as well as other characters who really existed. I am convinced, once finished Eternal War, that the story is just the beginning of an adventure even bigger and I hope the author will continue to write it.

I misteri di BlackPort

Da un nuovo autore italiano, una novità uscita in aprile per Casini Editore: I misteri di Blackport.
Un libro interessante, uno storico con un bel pizzico di fantastico, che farà vivere incredibili avventure e battaglie tra le sabbie desertiche dell’Egitto e gli inquietanti e oscuri vicoli di Blak Port…
Il libro si apre sul campo della sconfitta in Russia di Bonaparte che, in attesa nella sua tenda, protetto dalle sue guardie personali , aspetta  un importante dispaccio che gli ridoni fiducia nella sua campagna di conquista.
Dall’altra parte, un’altra storia corre in parallelo.
A distanza di alcuni anni dagli eventi che hanno visto Napoleone in quella tenda, Jack Reynold maggiore di stanza a Black Port percorre le piccole stradine dellla cittadina portuale verso un mistero parecchio inquietante.

I misteri di BlackPort
di Fabrizio Fortino

Editore Casini
Uscita 04/2011
ISBN 9788879051859
Prezzo €16,90


Può un uomo di cui nessuno ricorda il nome cambiare le sorti dell’Europa del XIX secolo?
Eppure per un bizzarro scherzo del destino, o semplicemente per puro caso, un anonimo soldato francese, al comando del generale Bonaparte, fa una scoperta che sconvolgerà il normale corso della storia. Durante gli scavi di fortificazione della piana di Rachid, l’odierna Rosetta, rinviene una lastra di pietra nera.
La stele, così verrà chiamata in seguito, è un semplice reperto o la chiave per accedere a un segreto misterioso, un segreto che rimanda agli antichi faraoni e al potere necessario per governare sull’impero più longevo di sempre?
Black Port, metà del XIX secolo. Qualcosa di oscuro si muove nel sottosuolo della città. Qualcosa di misterioso partorito dall’empio intestino sotterraneo. Jack Reynold, maggiore del 17° reggimento di linea dell’Esercito Reale Inglese, verrà messo a dura prova nel risolvere l’enigma che circonda alcune inspiegabili sparizioni.
Magia o complotto?
È solo l’inizio di un’avventura che lo porterà a scoprire le sue origini, avvolte nel mistero, e a fare i conti con forze ben più grandi di lui in un’Europa sull’orlo della guerra.

I misteri di Black Port – Promo Video from Casini Editore on Vimeo.