REVIEW | Ryan GRAUDIN: Wolf by Wolf

wolf ryan graudin

Little, Brown Books | 9780316405126
Amazon
My rating: Rating: ★★★★½

WOLF BY WOLF
Ryan Graudin

WEBSITE | TWITTER

Code Name Verity meets Inglourious Basterds in this fast-paced novel from the author of The Walled City.
The year is 1956, and the Axis powers of the Third Reich and Imperial Japan rule the world. To commemorate their Great Victory over Britain and Russia, Hitler and Emperor Hirohito host the Axis Tour: an annual motorcycle race across their conjoined continents. The victor is awarded an audience with the highly reclusive Adolf Hitler at the Victor’s Ball.
Yael, who escaped from a death camp, has one goal: Win the race and kill Hitler. A survivor of painful human experimentation, Yael has the power to skinshift and must complete her mission by impersonating last year’s only female victor, Adele Wolfe. This deception becomes more difficult when Felix, Adele’s twin brother, and Luka, her former love interest, enter the race and watch Yael’s every move. But as Yael begins to get closer to the other competitors, can she bring herself to be as ruthless as she needs to be to avoid discovery and complete her mission?

review
When I heard about this novel, read the blurb, I immediately thought “this can be a flop to-kill-all-the flops-of-this-world or a great, one-of-a-kind, novel”. The historical period in which it is set, the Second World War, is one of those I always struggles with because of the atrocities done under the Third Reich. I don’t tend to search for books, movie, etc. that have that period as a subject. I always try to keep in mind the pain that has been inflicted in those years, because it is right to remember and not forget, but I don’t want to read or watch something that can only scratch the surface of what people suffered then. They can only fall short, you know. I am not saing that some book or film hasn’t done them some justice but I feel it isn’t enought, you know? How can anything be enought? Anyway…returning to Wolf by Wolf.
This novel has the right amount of fantasy elements and aims primarily on the adventurous part to allow me to detach from the realistic events described. Not only that but it was able to keep me engaged from start to end. This book, in fact, is a kind of dystopian novel because, although based on a world that is ours, thanks to something that happened differently from the history we know, things have changed drastically. What’s different from a common dystopian book is that the story of Wolf by Wolf does not happen in an hypothetical future but in the past of 1944-56. The author manages to imagine a what-if that terrifies me at the sole thought… the victory of Hitler and the establishment of its ideologies in the majority of the world, with the USA that keeps apart for fear that Hitler may turn his gaze on its conquest.
The author manages a story that takes the reader on an adventure that can be compared to the one in Hidalgo (a movie with Viggo Mortensen if the name of the movie doesn’t sound any bell to you), Balto (again see movie), Kevin of the North and so on … stories of life and death, full of twists, extreme situations, fights for life and so on. It is a motorcycle race the focal point of the adventure in Wolf by Wolf, one the MC has to win…

The resistance has given Yael one goal: Win the race and kill Hitler.

Yael is the MC and a jewish girl who barely survived the death camp where she and her mother where imprisoned when she was six. During that time she became Experiment 85 and was subjected to painful injections that had the purpose of altering her appearance (like changing the color of her eyes from brown to blue and such). They never could have expected the experiment to be so successful. Yael, in fact, learns to change completely her look and, after having lost all that she held dear, she manages to excape from the camp assuming the aspect of the commander’s doughter. After that, Yael finds herself alone in a world that she is not prepared to confront. Fortunately, it is in that moment that she stumbles upon the resistance, people who are trying to subvert Hitler’s rule and that bring her in providing a new, albeit undercover, home.

Yael becomes the secret weapon they were waiting for. The last hope of the revolutionary group. Indeed, thanks to the unexpected victory of a girl, Adele Wolfe, in the previous edition of the Axis Tour -this motorcycle race where the best German and Japanese young males compete for supremacy (a race born to show the superiority of the Aryan race)- Yael has the possibility to replace her in the new race that will be held. By winning the Tour she can have the opportunity to approach and kill the Führer, putting an end to his dictatorship. Obviously, the job is not so easy. In addition to all the other participants, who will try to maim her if not kill (yeah, it is that bad), there is Adele’s twin brother to keep away as much as possible. And the memories. All the wolves she has to avenge, and that keep her company during the journey, will add to what Yael has to face to win the most important challenge of her life.

wolf-by-wolf-graudin

GAIL CARRIGER: Waistcoats and Weaponry – Finishing School #3

Una piccola preview sulla prossima uscita, questo novembre, del terzo romanzo della serie young adult steampunk Finishing School di Gail Carriger. Anche la copertina di Waistcoats & Weaponry devo dire è veramente bellissima, con la sua grafica unica ed acattivante. Sono inoltre sicura, dato che sto seguendo la serie con attenzione, che anche questa nuova avventura sarà divertente e all’altezza delle due che l’hanno preceduta…non vedo quindi l’ora che il romanzo esca. Iniziamo il conto alla roveschia al 14 novembre!

Waistcoats and Weaponry by Gail Carriger Finishing School 3
Editore Little, Brown Books
ISBN 9780316190275 hardcover
Prezzo $ 18.00 hardcover
$ 10.00 paperback
$ 9.99 ebook
Pagine 304
Uscita 14 november 2014
Acquista Pre-order Amazon.com | Amazon.it
LaFeltrinelli.it | inMondadori
Recensioni Anobii | Goodreads

Waistcoats and Weaponry Gail Carriger

Finishing School #3

www.finishingschoolbooks.com

Class is back in session… Sophronia continues her second year at finishing school in style–with a steel-bladed fan secreted in the folds of her ball gown, of course. Such a fashionable choice of weapon comes in handy when Sophronia, her best friend Dimity, sweet sootie Soap, and the charming Lord Felix Mersey stowaway on a train to return their classmate Sidheag to her werewolf pack in Scotland. No one suspected what–or who–they would find aboard that suspiciously empty train. Sophronia uncovers a plot that threatens to throw all of London into chaos and she must decide where her loyalties lie, once and for all. Gather your poison, steel tipped quill, and the rest of your school supplies and join Mademoiselle Geraldine’s proper young killing machines in the third rousing installment in the New York Times bestselling Finishing School Series by steampunk author, Gail Carriger.

Vi ricordo infine che l’ultimo titolo della serie, Manners & Mutiny, uscirà indicativamente a novembre 2015.

R: CARRIGER GAIL: Curtsies & Conspiracies – Finishing School #2

Curtsies & Conspirancies di Gail Carriger - Finishing School 2
primo_cap
Rating: ★★★★☆
Editore Little, Brown Books
ISBN 9781907411601 paperback
Prezzo $ 18.00 hardcover
$ 10.00 paperback
$ 9.99 ebook
Pagine 320
Uscita 11 may 2013
Acquista Amazon.com | Amazon.it
LaFeltrinelli.it | inMondadori | IBS.it
Recensioni Anobii | Goodreads

Curtsies & Conspiracies
Gail Carriger

Finishing School #2

Does one need four fully-grown foxgloves for decorating a dinner table for six guests? Or is it six foxgloves to kill four fully-grown guests? Sophronia’s first year at school has certainly been rousing. First, her finishing school is training her to be a spy (won’t Mumsy be surprised!). Secondly, she gets mixed up in an intrigue over a stolen device and has a cheese pie thrown at her. Now, as Sophronia sneaks around the dirigible school, eavesdropping on the teachers’ quarters and making clandestine climbs to the ship’s boiler room, she learns that there may be more to a school trip to London than at first appears …
Vampires, werewolves, and humans are all after the prototype Sophronia recovered in Etiquette & Espionage, which has the potential to alter human and supernatural travel. Sophronia must try to uncover who is behind a dangerous plot to control the prototype … as well as survive the London season with a full dance card.

Sono necessarie quattro piante adulte di digitale per decorare il tavolo da pranzo a cui siederanno sei ospiti? O sono sei digitali per uccidere quattro ospiti adulti?
Il primo anno di scuola di Sophronia è stato certamente entusiasmante. Per prima cosa, la scuola di rifinitura la stà preparando per diventare una spia (che sopresa sarebbe per mamma!). Secondariamente, è rimasta invischiata in un intrigo riguardante un dispositivo rubato e per questo le viene lansciata contro una torta al formaggio. Ora, mentre Sophronia si aggira furtivamente nella scuola dirigibile, origliando le conversazioni degli insegnanti e facendo scalate clandestine fino alla stanza delle caldaie della nave, scopre che può esserci di più in una gita a Londra di quando possa apparire ad un primo sguardo…
Vampiri, lupi mannari e umani sono tutti alla ricerca del prototipo che Sophronia ha recuperato in Etiquette & Espionage che ha il potenziale per alterare il modo di viaggire sia umano che soprannaturale. Sophronia deve affrettarsi a scoprire chi si nasconde dietro al pericoloso complotto diretto a controllare il prototipo… così come sopravvivere alla stagione londinese con il carnet da ballo pieno.

review
Dopo quasi un anno dalla lettura e recensione del primo libro della serie, Etiquettes & Espionage, eccomi nuvamente a parlarvi di questa serie veramente unica e divertente.
Alcuni si sono lamentati che abbia poca sostanza, che la trama sia superficiale, ma devo dire che io non sono d’accordo.
Questa serie è nata ed è diretta ad un pubblico giovane questo è vero, trattasi infatti di genere Young Adult. E sicuramente si sente una differenza nel fatto che l’80% dei personaggi principali sono ragazzi piuttosto giovani (14/16 anni con rare eccezioni) e pertanto non c’è una storia d’amore a sorreggere il tutto bensì investigazione, un pizzico d’astuzia e tanti veleni!
Ma questo certamente non abbassa per nulla la godibilità del libro anzi, per cambiare ogni tanto, me lo fa piacere ancora di più! Essendo Sophronia ancora pittosto giovane, infatti, non soffre ancora dei problemi che ormai abbiamo letto in ogni salsa possibile in altri YA. La storia non si ammanta di pretese con il vero intento di parlare di un triangolo d’amore tra sedicenni. Questa è, come già dimostrato dal primo volume, una storia divertente (e già la trama lo dimostra), ricca di avventure, intrighi e di un mondo steampunk a cui la Carriger ci ha ormai ben abituato. Certo qualche accenno ad amicizie maschili che potrebbero diventare altro ci sono, ma come dicevo Sophronia è intenta a diventare la miglior spia conosciuta, non ha certo intenzione di ligerasi a chicchessia e diventare uno sciocca debuttante come tante sue coetanee!
Detto questo, proseguiamo con la storia vera e propria.
Il libro riparte esattamente dove si era interrotto il primo.
Sophronia ha appena concluso i primi sei mesi del suo apprendistato nella nave dirigibile che ospita la scuola più interessante che abbia mai sperato di poter attendere. Presto dovrà sostenere il primo esame su quanto ha imparato fino a quel momento, esame che deciderà del suo futuro nella scuola.
Se questo non fosse abbastanza per mettere una signorina sottosopra, dopo aver recuperato il Dispositivo del primo romanzo, Sophronia che incarna il detto “la curiosità è femmina” durante alcuni dei suoi giretti notturni origlia sconcertanti e preoccupanti informazioni collegate allo strano strumento. E’ chiaro che non può tirarsi indietro, deve assolutamente ficcare il naso negli affari della Scuola e scoprire cosa stà succedendo. Coadiuvata da amici ormai assodati e da qualche new entry, Sophronia parte per una nuova avventura spionistica che la porterà fino a Londra, in mezzo ad un covo di vampiri e, tremenda sfortuna!, a partecipare ad un ballo di debutto in Società!

Una piccola anticipazione, Waistcoats & Weaponry (Finishing School #3), sarà in libreria dal 04 novembre 2014!

The Amazing list #2-1: romanzi interessanti letti ultimamente

Torna la mia Amazing list, questa volta divisa in due parti per meglio parlarvi dei romanzi in questione. Parto col dirvi che sono tutti romanzi che, sfortunatamente, ancora non hanno una controparte italiana…insomma li potete leggere solo in inglese. Il primo, Etiquette & Espionage, di cui vi parlo in questo post è anche l’ultimo in linea temporale che ho letto. Il più fresco, insomma, in tema di impressioni lasciate. 😉

Etiquette & Espionage
Gail Carriger

Finishing School #1

Etiquette & Espionage di Gail Carriger - Finishing School #1
primo_cap
Rating: ★★★★☆
Editore Little, Brown Books
ISBN 9781907411588
Prezzo $ 17.99 hardcover
$   9.00 paperback
$   9.99 ebook
Pagine 320
Uscita 5 february 2013
Acquista Amazon.com | Amazon.it
Recensioni Anobii | Goodreads

It’s one thing to learn to curtsy properly. It’s quite another to learn to curtsy and throw a knife at the same time. Welcome to Finishing School.
Fourteen-year-old Sophronia is a great trial to her poor mother. Sophronia is more interested in dismantling clocks and climbing trees than proper manners—and the family can only hope that company never sees her atrocious curtsy. Mrs. Temminick is desperate for her daughter to become a proper lady. So she enrolls Sophronia in Mademoiselle Geraldine’s Finishing Academy for Young Ladies of Quality.
But Sophronia soon realizes the school is not quite what her mother might have hoped. At Mademoiselle Geraldine’s, young ladies learn to finish…everything. Certainly, they learn the fine arts of dance, dress, and etiquette, but they also learn to deal out death, diversion, and espionage—in the politest possible ways, of course. Sophronia and her friends are in for a rousing first year’s education.
Set in the same world as the Parasol Protectorate, this YA series debut is filled with all the saucy adventure and droll humor Gail Carriger’s legions of fans have come to adore.

Una cosa è imparare correttamente a fare la riverenza. Tutt’altro imparare la riverenza e allo stesso tempo lanciare un coltello. Benvenuti alla Scuola di rifinitura.
La quattordicenne Sofronia è la rovina dell’esistenza della madre. Infatti è più interessata a smontare orologi e ad arrampicarsi sugli alberi che della corretta etichetta- e Dio non voglia che qualcuno veda le sue atroci riverenze! La signora Temminnick dispera di poter un giorno vedere la propria figlia diventare una vera signora, così la iscrive all’Accademia di rifinitura di Mademoiselle Geraldine per Giovani Signore di Qualità.
Ma poco Sofronia e sua madre sanno di questa scuola. Una scuola dove ingegnose ragazze imparano a rifinirsi si, ma in tutti i campi. Certamente, le giovani imparano le sottili arti della danza, dell’abbigliamento e dell’etichetta, ma anche altri tipi di materie: le fini arti della morte, della diversione, dell’inganno, dello spionaggio e delle armi moderne – nel più educato modo possibile, ovviamente! Sofronia e le sue amiche stanno per iniziare un travolgente primo anno di scuola!
Ambientato nello stesso mondo de Il Protettorato del Parasole, questa serie YA è piena di quell’impertinente avventura e buffo umorismo che le legioni di fan di Gail Carrigen hanno imparato ad amare.

review
Gail Carriger, per chi non se lo ricordasse, è l’autrice di un’altra famosa (e particolarmente discussa qui da noi a causa della cattiva traduzione subita per mano della casa editrice italiana che l’ha pubblicata) serie -quella di Alexia Tarabotti e del Protettorato del Parasole- che ha sfornato questa nuova serie a febbraio di quest’anno.

Se la prima serie era rivolta però ad un pubblico adulto, questa è dedicata a “giovani adulti” ma vi assicuro che è pienamente godibile anche da parte di lettori maturi in cerca di novità e che amano il fantasy steampunk, l’avventura e l’intrigo. Perchè questo romanzo li contiene tutti. I principali motivi per cui l’ho trovato una piacevole novità? Eccoli:

  • la protagonista ha solo 14 anni, anche se alle volte sembra più grande…ma solo per l’inventiva che dimostra (anche se sicuramente certe quattordicenni “vere” possono stare alla sua pari)…ed è una vera fonte di guai inerba
  • non c’è il solito triangolo amoroso; magari è presto data l’età dei personaggi, ma comunque si può tirare un respiro di sollievo
  • non annoia neanche un momento, tra scene d’azione su dirigibili o carrozze in corsa, attaccati da “banditi volanti” o licantropi fuori controllo, arrampicati su sartie o nascosti lungo corridoi pattugliati da automi camerieri pronti a farti passare un brutto quarto d’ora
  • intrighi e misteri per giovani spie in allenamento
  • bassotti meccanici multiuso
  • una scuola femminile di “rifinitura”, che scuola normale non è certamente, e una controparte maschile ugualmente unica

…e ultimo ma non ultimo

  • la bravura di Gail Carriger nel portare avanti storie sempre interessanti

Come dicevo, benchè la protagonista sia una ragazzina, il piacere di leggere questo romanzo non diminuisce per nulla. I personaggi sono ben caratterizzati, unici e interessanti ognuno a suo modo. Più di una volta mi sono colta a ridere, come una scema, di scene descritte. Forse la “rarità” dei romanzi steampunk in Italia (e anche per me che comunque non ne ho letti molti neanche in lingua), con l’immgine di questi strami strumenti fuori epoca, aiuta a far piacere la lettura. Ma è vero che il ritmo incalzante, i personaggi simpatici e un mistero ben gestito sono solo capacità dell’autrice di saper scrivere e farlo bene.
Lettura consigliata, anche se non a chi è alle prime armi nella lettura in inglese (è infatti un romanzo un pò difficile) ;).

Alcune “scene” dal romanzo:

“So?” said Sophronia. “Resources. What do you two have?” Pillover emptied the pockets of his oversized greatcoat: some pine-sap gum, a monocle on a stick—the Depraved Lens of Crispy Magnification, perhaps?—and a long piece of ribbon that probably started life in his sister’s hair. Dimity produced a box of sandwiches, a wooden spoon, and a knitted stuffed octopus out of the small covered basket at her feet. All Sophronia had was the piece of sponge she’d swiped at tea and stashed in her apron, now sadly crushed. She split it into three and they ate the cake and thought hard. 

They pushed aside two massive brass doors emblazoned with images of fire and all sorts of symbols of danger. Sophronia squinted. One of the symbols looked to be a badger with his tail in flames. Another was a skull like that on a pirate’s flag, but with its mouth open and long vampire fangs. If that’s a vampire, perhaps the badger on fire is meant to be a werewolf? Another, Sophronia could swear, was a robin in a bowler. What, she wondered, is dangerous about a robin in a bowler?

Il prossimo romanzo della serie, in uscita a novembre:
Curtsies & Conspiracies - Finishing School #2)